Carettoni (6)

FINALMENTE A CASA!

aprile 17, 2013 / by / 0 Comment

 Dopo 77 anni la scultura è esposta nel Museo ‘Carettoni’ di Cassino.  Grande l’emozione delle autorità.

 Il rettore Attaianese: “La statua è diventata il simbolo dei nostri Campionati Nazionali Universitari 2013”

Un lungo applauso ha stemperato la grande emozione dei presenti al Museo Archeologico Nazionale “G. Carettoni” per l’arrivo dell’”Eroe”.  Quando erano da poco passate le 14.30, dinanzi al cancello da cui si accede al Museo e all’Area Archeologica di Cassino, si è fermato il camion che trasportava  l’Eroe di Cassino, la statua rinvenuta negli scavi del teatro romano della città nel 1936 e da lì trasferita a Napoli, in quegli anni sede competente della Sorprintendenza. Allora Napoli garantiva anche la custodia che l’area di provenienza non poteva assicurare.  Dal 1936 ad oggi sono trascorsi 77 anni che hanno visto Napoli e Cassino al centro di un contenzioso su quale delle due città dovesse custodire la scultura, che rappresenta un personaggio in nudità eroica, in riposo,  e deriva da un modello iconografico di un’opera dello scultore greco Lisippo del IV secolo a. C. Lunghi anni di rivendicazioni a suon di interrogazioni parlamentari e petizioni popolari che non hanno sortito alcun risultato. Fino a quando del caso si è interessato  il rettore dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, Ciro Attaianese. Che, in occasione dei Campionati Nazionali Universitari del prossimo maggio, si è fatto promotore delle istanze e aspirazioni  della città. Ma non solo.

Il ritorno dell'Atleta di Cassino_1

Il rettore scegliendo la statua, che simboleggia l’eroe/atleta come testimonial dei CNU, ha dato il via con questa motivazione ad una serie di trattative. Mesi e mesi di lavoro sono serviti a riavere, anche se temporaneamente, l’opera d’arte a Cassino. Un arrivo scandito da un  applauso e da un doveroso brindisi per festeggiare l’avvenimento. Una data, quella del 16 aprile 2013, che passerà alla storia come il giorno del ritorno a casa dell’Eroe di Cassino. Una giornata inziata presto con l’arrivo a Napoli della delegazione capeggiata dal rettore Ciro Attaianese,  dal direttore del Museo “Carettoni” Silvano Tanzilli, dal consigliere regionale Marino Fardelli e dallo storico cassinate Emilio Pistilli, i quali che hanno scortato la statua da Napoli a Cassino. Ad attendere la statua e la delegazione, dinanzi al Museo a Cassino, c’erano il sindaco Giuseppe Golini Petrarcone, la presidente del Comitato Organizzatore Alessandra Zanon, il presidente del Cus Carmine Calce, e diverse autorità.

Il ritorno dell'Atleta di Cassino_2

Dopo le operazioni di scarico e sballaggio, durate qualche ora, la statua è stata esposta nella Sala Ottagona, dove da oggi può essere ammirata. L’evento di ieri ha dato ufficialmente il via alle iniziative che segneranno i prossimi Campionati Nazionali Universitari. “Avevamo questo simbolo l’abbiamo fatto diventare il simbolo dei Campionati Nazionali Universitari a cui agganceremo anche una serie di manifestazioni culturali, tra cui, un convegno scientifico su questa statua e di come lo sport e il corpo sono stati rappresentati dall’antichità ad oggi. Mi sembra un modo molto bello di iniziare l’ultimo mese che ci separa dai Campionati Nazionali Universitari, edizione 2013, qui a Cassino”.  E’ stato questo il commento del rettore Attaianese.

Il ritorno dell'Atleta di Cassino_3

“E’ una grandissima emozione per il Museo Archeologico nazionale di Cassino. La statua – ha sottolineato il direttore Tanzilli – è partita proprio da qui, dal Museo Archeologico, che è parte integrante di questo parco archeologico. E’ stata portata a Napoli nel 1936 e quindi dopo 77 anni ritorna qui.  E’ un orgoglio per il Museo e per  tutta la città di Cassino”.  Della stessa sintonia il commento del sindaco Petrarcone: Una grande giornata per la città, per il Comune, per l’Università e il Museo Archeologico. Questa è la dimostrazione che quando ci sono le idee vincenti e queste idee vengono percorse e condivise dalle istituzioni che devono collaborare, come stiamo collaborando, i risultati si ottengono. Sono passati 77 anni, noi pensiamo che sia stato il giusto perdiodo di latitanza di questa statua dalla città di Cassino. Ma soprattutto questa statua che sarà l’emblema dei prossimi CNU, sicuramente, dovrà essere un’attrattiva per tutta la città per il rilancio turistico e non solo sportivo di questo territorio”.

Il ritorno dell'Atleta di Cassino_4